Europa Inverno Weekend

Cracovia è bella! Cosa vedere in un week-end low-cost

on
2 Febbraio, 2020

Cracovia, città silenziosa. Cracovia città di storia. Cracovia: ecco cosa vedere in un week-end low-cost nella seconda città della Polonia e capitale culturale dello stato.

Ho avuto la fortuna di scoprire e conoscere questa città durante una gita organizzata, in cui abbiamo visitato anche i campi di concentramento di Auschwitz e Birkenau, ecco qui di seguito il link al mio articolo: Auschwitz e Birkenau: il toccante viaggio nella memoria.

Cracovia cosa vedere

Quando andare?

Per visitare la città un week-end è sufficiente, sebbene Cracovia offra molte cose da vedere, sia per un viaggiatore individuale, sia nel caso di famiglie con bambini.

Io sono stata in Novembre e secondo me è un buon periodo per visitarla, se anche a voi piacciono le sfumature grigie del cielo e il freddo pungente!

Nei mesi successivi invece le temperature sono molto rigide e spesso il termometro scende sotto lo zero per diversi giorni. La visita è consigliata in primavera per le temperature decisamente più miti.

Una volta scelto il vostro periodo di viaggio, ecco che arriviamo al nocciolo della questione…ecco una lista fai da te delle 8 cose da vedere a Cracovia durante un week-end low cost.

panorama polacco

Le 8 cose da vedere a Cracovia

Come ben sapete mi piace essere chiara su cosa può offrire di interessante una città e a Cracovia ci sono tante cose da vedere per tutte le età.
Ecco quindi di seguito il mio elenco delle 8 cose da non perdere nel vostro viaggio a Cracovia:

  1. La grande piazza Rynek
  2. Kazimierz: il quartiere ebraico
  3. Castello e la leggenda del drago
  4. Dama con l’Ermellino
  5. Nova Huta
  6. Auschwitz e Birkenau
  7. Cracovia notturna
  8. Piroghi, barszcz e chlodnik

1.Città Vecchia e la grande piazza Rynek di Cracovia

La città vecchia di Cracovia è perfettamente conservata e quasi completamente pedonale. Si snoda attorno alla grande piazza Rynek, la piazza del mercato e la più grande piazza d’Europa medievale, patrimonio
dell’Umanità Unesco. Al centro del Rynek si trovano da un alto la Chiesa di Santa Maria con le sue due torri di altezze differenti e dall’altro il grande mercato dei tessuti, aperto al pubblico.
Ricordo ancora la sensazione di stare in questa piazza grande, ariosa, con la cattedrale che si erge su un lato, bellissima, i negozi che circondano la piazza e molti artisti di strada che allietano i passanti, ho davvero un
bel ricordo. La piazza è perfetta anche per i bimbi, qui infatti possono scorazzare a più non posso!

Cracovia cosa vedere

2. Kazimierz: il quartiere ebraico della Cracovia da vedere

Il quartiere si trova vicinissimo al Rynek e prende il nome dal suo fondatore, il Re Casimiro il Grande.
Il quartiere ebraico di Cracovia è uno dei più antichi al mondo e ha ospitato la comunità ebraica della città per 600 anni, fino allo sterminio nazista. Ha ripreso a vivere solo dopo decenni, grazie alle riprese di Schindler’s List, la cui vera fabbrica si trova a una ventina di minuti dal centro della città.
Consiglio a tutti, grandi e piccini, un giro tra le sinagoghe e le vecchie botteghe con le scritte originali.

Cracovia cosa vedere

3. Castello e la leggenda del drago

Il castello di Cracovia domina la città dalla collina del Wawel ed è molto famoso per la leggenda che abita i suoi sotterranei. Si narra infatti che all’interno del castello abitava un drago che terrorizzava la città, così il
re di allora promise metà del suo regno e la figlia in sposa a chi lo avesse ucciso. Tra tutti vi riuscì un calzolaio che gli diede da mangiare una pecora piena di zolfo per cui il drago fu costretto a bere l’intera Vistola, il fiume che attraversa la città e scoppiò dalla quantità di acqua ingerita.
All’ingresso del castello vi aspetta proprio il monumento del drago sputa fuoco.
Il castello è visitabile in alcune stanze quali la cappella reale, il Tesoro e l’armeria medievale. Per i bimbi è bella l’esperienza legata al racconto della leggenda che rende tutto così fiabesco!

Castello di Cracovia

4. Dama con l’Ermellino da vedere a Cracovia

In città si trova anche il celebre dipinto di Leonardo da Vinci! Custodito nel piccolo ma curioso museo Czartoryski Cracovia in centro città, è unico e imperdibile. Non si sa bene come il dipinto sia finito in questo museo ma di certo i polacchi sono ben orgogliosi di proteggerlo assieme a un dipinto di Rembrandt e un Mantegna.

5. Nova Huta

Il quartiere di Nova Huta è un po’ fuori dal centro della città ed era il quartiere operaio per eccellenza, prende infatti il suo nome prende dall’acciaieria dove lavoravano i 40000 operai che qui vivevano.
Il quartiere doveva essere la città ideale, secondo il regime comunista, dotato di grandi viali, spazi verdi e attività collettive. La realtà era invece ben diversa: il quartiere era un postaccio, un tipico quartiere industriale e non residenziale e gli operai vivevano forzatamente in condomini tutti uguali e in uno stato di privazione costante.
Oggi viene proposto il tour del quartiere con la vecchia auto Trabant, ossia l’auto per eccellenza dei regimi dell’est, molto interessante da fare anche con i bimbi, essendo in auto e quindi poco stancante!! 😉

6. Auschwitz e Birkenau

Gita imperdibile da Cracovia è verso il campo di concentramento di Auschwitz che si trova a circa 70 km, un’oretta e mezza di macchina.
Diversi sono i tour organizzati che partono da Cracovia quotidianamente e che potete prenotare sui diversi portali, uno dei migliori è questo: https://www.getyourguide.it/cracovia-l40/da-cracovia-tour-guidato-di-1-
giorno-ad-auschwitz-birkenau-t78097/
. Il tour di 7 ore comprende trasferimento di andata e ritorno da Cracovia + visita guidata ad un modico costo di 32€, quindi molto buono.

In alternativa ci sono treni e bus diretti ad Auschwitz. Per maggiori informazioni ecco il link al mio articolo: Auschwitz e Birkenau: il toccante viaggio nella memoria.

Altro tour molto bello sempre con partenza da Cracovia è verso le miniere di sale di Wieliczka. Non le ho visitate ma ho sentito dire essere molto belle, saranno quindi tappa da fare quando tornerò in zona. Questo tour è sicuramente più adatto ai bimbi rispetto a quello ad Auschwitz e Birkenau, sebbene il primo è sicuramente forte ma importante anche per la loro maturità storica e culturale.

Ecco qui il sito ufficiale delle miniere di sale e una delle escursioni proposte da Cracovia:

Auschwitz

7. Cracovia notturna da vedere

A Cracovia non manca di certo la visita notturna, essendo città universitaria. Quindi è d’obbligo un’uscita serale se alloggiate in città! Tantissime le birrerie, pub, locali e discoteche. Inoltre i prezzi sono accessibili quindi…via al divertimento!

8. Piroghi e barszcz, chlodnik e bigos

Last but not least…. Il cibo!!!
Il modo migliore per mangiare a Cracovia è nelle “jadłodajnia”, ossia delle trattorie tipiche che offrono cucina abbondante a buoni prezzi.
La Polonia non è famosissima per la cucina e i piatti tipici non sono tantissimi. Si mangia molta carne con patate, dei piattoni unici però potete degustare anche i Piroghi, ossia dei ravioli ripieni di formaggi, carne o
altro, la barszcz, zuppa di barbabietole e ravioli, la chlodnik una minestra fredda di latte cagliato e il bigos, sostanzioso stufato di carne.
Segnalo inoltre che la zona dove trovare cibo a pochissimo prezzo è quella del Ghetto.

Cracovia cosa vedere

Per concludere… a Cracovia…

Un po’ taciturna, Cracovia è una bella meta per un week-end low cost un po’ fuori dal comune per le diverse ed economiche (se non gratuite!) cose da vedere.

Inoltre è molto economica rispetto a tante altre città, sebbene i prezzi si stiano alzando anche qui, ad ogni modo per una camera doppia in centro storico in un buon hotel 3 stelle siamo tra i 40 e gli 80 euro, quindi non male.

A questo punto, buon week-end e a voi ulteriori commenti o consigli se avete visitato la città!

TAGS
RELATED POSTS

Commenta

Silvia Pellizzon
Venezia, IT

Ciao! Due informazioni veloci su chi sono: mi chiamo Silvia, ho 30 anni e vivo in provincia di Venezia. Per me viaggiare è parte integrante della mia vita. Lo faccio da sempre. Da bambina era tutto semplice e bellissimo, crescendo però mi sono accorta di quanto possa essere complicato viaggiare se non si è ben informati, così la mia passione è diventata anche un lavoro. Oggi ho deciso di iniziare a condividere i miei viaggi e la mia esperienza nell'organizzazione per cercare di essere d'aiuto a chi sceglie di aprire la propria mente visitando nuovi luoghi!

Seguimi su Facebook!
Seguimi su Instagram!
La risposta da Instagram ha restituito dati non validi.

Seguimi!

Archivio Articoli