Viaggio a new york come organizzarlo
Estate Informazioni Utili Intercontinentali Inverno

New York: come organizzare il viaggio

on
Luglio 25, 2017

New York, la metropoli per eccellenza, l’immagine del sogno americano, la città del successo e della frenesia, la città che non dorme mai! Da una vita sognavo di poterci andare (ahimè ero anch’io affetta dal sogno americano!) e finalmente ho avuto questa grande possibilità, grazie al fratello di mio moroso, giocatore di basket! Quindi decidiamo di partire: io, il mio fidanzato Daniele, suo fratello Martino e un suo caro amico, Alberto.

Viaggio a new york come organizzarlo

Ma come iniziare ad organizzare il viaggio a New York?

“Airport security” mi aveva alquanto terrorizzata e la pressione di avere tre persone sulle mie spalle che si basavano sulla mia organizzazione, era abbastanza forte…se vi trovate nella mia stessa situazione o se semplicemente volete organizzare il viaggio nella grande mela, vi illustro i cinque passi da seguire per organizzare il vostro viaggio, senza perdere tempo e senza aver paura che manchi qualcosa.

  1. Scegliere il periodo

Noi ci siamo stati dal 29 luglio al 5 agosto. A mio avviso non è il periodo più indicato per la visita della città. In questa stagione infatti il caldo si fa molto sentire, e spesso questo risulta afoso. La nostra è stata una scelta un po’ obbligata per vari motivi ma se dovessi sceglierei tornerei in città in autunno o inverno (ricordo che a me però piace il freddo!! 🙂 Anche in primavera deve essere bella, ad ogni modo, ma anche d’estate ha avuto il suo fascino, insomma NY è sempre la meta ideale.

  1. Prenotare il volo

Consiglio di prenotare il volo molto tempo prima della partenza, questo perché come saprete già i prezzi sono sempre molto alti. Vi suggerisco perciò di monitorare un po’ i prezzi e verificare il loro andamento, in modo tale da individuare il momento migliore per agire!! Che poi non è detto… quando ho iniziato a guardare i prezzi erano di circa 500€ per persona, poi sono aumentati quindi presa dall’ansia ho agito, ricontrollando poi verso maggio, avevo trovato delle buone offerte ad un prezzo più basso di quello pagato…va beh, magari è stato solo un caso, io consiglio perciò di prendersi per tempo, il prima possibile.

Il nostro volo è stato un buon Venezia – Amsterdam + Amsterdam – New York JFK tutto gestito da KLM. Volo comodissimo con Boing di due piani per la seconda tratta!!! Televisione, radio, copertina, pranzi vari, tanta gente ma tutto perfetto.

Consiglio: prendete un volo che permetta di arrivare a NY il tardo pomeriggio/sera, in modo da mangiare qualcosa per cena e andare a nanna, al fine di superare meglio il jet-lag (è come se foste ancora in Italia e andaste a letto alle 3.00-4.00 della notte in fin dei conti 🙂

Il ritorno invece è stato diretto, New York JFK – Venezia con Delta Airlines, diretto, notturno ma che è sembrato più lungo dell’andata. Aereo più piccolino, con meno comodità, con sedute più strette…onestamente ho preferito il volo di andata con scalo, sebbene con il diretto, al ritorno, avevamo una sicurezza maggiore di non perdere le valigie piene di shopping!

Attenzione ai voli con scalo: meglio effettuarlo in territorio europeo e non americano, altrimenti dovrete riprendere la valigia dopo il primo volo e re-imbarcarla nel secondo, per motivi di sicurezza.

  1. Scegliere l’hotel:

Come per il volo, consiglio di iniziare la ricerca dell’hotel molto tempo prima della partenza. I prezzi sono sempre molto alti e non è facile trovare un buon rapporto qualità-prezzo in città; io ho iniziato la ricerca in febbraio per la partenza di fine luglio. Magari potreste approfittare degli hotel cancellabili da booking.com, così da monitorare la situazione e eventualmente modificare nel tempo le vostre scelte, come ho fatto io.

Alla fine abbiamo optato per un buon 3 stelle: La Quinta Inn & Suites, 17 West 32nd Street, New York, Stati Uniti, +1 212-736-1600.

Vi consiglio la struttura, per la sua posizione centralissima (sulla 32esima; tra la 5a e la 6a strada), camere pulite e nuove, staff disponibile, buona e abbastanza abbondante la colazione, sicuramente sopra la media rispetto a tanti hotel 3* di NY.

Ecco qui la mia recensione: https://www.tripadvisor.it/Hotel_Review-g60763-d99774-Reviews-La_Quinta_Inn_Suites_Manhattan-New_York_City_New_York.html

  1. Documenti indispensabili:

  • Passaporto elettronico, con validità residua di 6 mesi
  • Biglietto di ritorno
  • ESTA

Una volta prenotato definitivamente l’hotel e con le date definitive è necessario procedere alla compilazione e registrazione del modulo ESTA.

Che cos’è l’ESTA? Electronic System for Travel Authorization, è l’autorizzazione turistica per l’ingresso negli Stati Uniti, si compila online e vi chiedono tutti i vostri dati, contatti di emergenza, datore di lavoro (se lavorate) e dettagli inerenti al vostro alloggio definitivo negli Usa. Per questo è molto importante compilare il modulo come ultimo step, poiché i dati che inserite non saranno più modificabili.

L’approvazione dell’ESTA si conclude con il pagamento con carta di credito di $14 per persona, l’approvazione si ha via email nell’arco di 72 ore al massimo, sebbene spesso arriva via mail in pochi minuti; è comunque raccomandabile di non aspettare proprio gli ultimi giorni per la registrazione, non si sa mai!

  • Assicurazione medica, non indispensabile ma caldamente consigliata.

L’ultimo argomento di cui vi parlo è l’assicurazione medico-sanitaria, come ben saprete infatti in America le spese sanitarie costano molto, nel caso in cui si debba usufruirne. Consiglio per questo motivo di partire assicurati, meglio pagare qualcosa in più e non incorrere in spese davvero folli in suolo americano! Io mi sono trovata bene con l’assicurazione Allianz Globy rossa, che copre assistenza sanitaria e spese mediche in loco, con massimale illimitato per l’America e varie assistenze. Eventualmente con poco supplemento si può stipulare la Globy rossa plus, che nel dettaglio è quella che ho scelto io e che copre anche il bagaglio e il cellulare in caso di smarrimento o furto.

  1. Munirsi di carta di credito, abilitare il bancomat ai prelievi internazionali e/o partire con dei dollari già dall’Italia

In America tutto si può pagare con la carta di credito ma se volete avere la sicurezza di contanti al seguito o evitare addebiti il mese dopo, consiglio di cambiare i dollari direttamente in Italia. Chiaramente questo dipende anche dal tasso di cambio attuale, in alternativa, se avete delle condizioni bancarie favorevoli potete anche prelevare una cifra congrua agli sportelli bancomat una volta arrivati in America.

Cose da evitare assolutamente sono:

  • Singoli pagamenti con bancomat e/o singoli prelievi di piccole somme, in quanto si hanno spese alte;
  • Recarsi ai banchi di cambio, le condizioni sono davvero molto sfavorevoli, almeno io le ho trovate tali!

Spero di esservi stata utile con questo articolo!!! E’ ora arrivata la nostra partenza, potete leggere i dettagli del mio itinerario nel prossimo post: NEW YORK: UNA SETTIMANA…LOW COST!

Se invece avete già programmato il vostro itinerario di viaggio, vi invito a leggere i miei articoli SHOPPING A NEW YORK e CONSIGLI & STRANEZZE DELLA GRANDE MELA.

…al prossimo articolo!

TAGS
RELATED POSTS

Commenta

Silvia Pellizzon
Venezia, IT

Ciao! Due informazioni veloci su chi sono: mi chiamo Silvia, ho 30 anni e vivo in provincia di Venezia. Per me viaggiare è parte integrante della mia vita. Lo faccio da sempre. Da bambina era tutto semplice e bellissimo, crescendo però mi sono accorta di quanto possa essere complicato viaggiare se non si è ben informati, così la mia passione è diventata anche un lavoro. Oggi ho deciso di iniziare a condividere i miei viaggi e la mia esperienza nell'organizzazione per cercare di essere d'aiuto a chi sceglie di aprire la propria mente visitando nuovi luoghi!

Seguimi su Facebook!
Seguimi su Instagram!
La risposta da Instagram ha restituito dati non validi.

Seguimi!

Archivio Articoli