la costa di salonicco
Estate Europa Weekend

Salonicco: la mia esperienza nella “città orizzontale”

on
Maggio 3, 2019

Inizio quest’articolo premettendo che l’ho scritto di getto, cercando di comunicare nel miglior modo possibile le mie sensazioni e emozioni. Non vi parlerò infatti di cosa vedere o cosa fare a Salonicco, ma delle mie sensazioni in città, di quella Salonicco che non è descritta nelle guide di viaggio ma che magari sarà nei libri di storia dei nostri figli o nipoti, degli effetti del fallimento greco sulla città.

Vi chiederete il motivo del titolo di quest’articolo: ecco, ve lo racconto qui di seguito, partendo dal nostro arrivo in città.

Arrivo in città

Siamo arrivati in città con la nostra auto a noleggio verso le ore 18.00 del pomeriggio.

Abbiamo infatti progettato di passare a Salonicco l’ultima notte delle nostre vacanze estive dello scorso anno, trascorse sull’isola di Thassos.

strada verso Salonicco

Fin dal nostro arrivo ci è parsa evidente una cosa in particolare: quando la crisi abbia cambiato questa città.

Splendeva il sole, era caldo, la cittadina greca sul mare era splendida e luminosa nei suoi larghi viali costeggiati da verdi aiuole e tra i suoi alti palazzi storici.

Dopo aver lasciato la nostra Polo alla filiale Avis sul lungomare, abbiamo aspettato il taxi che ci ha portati in hotel, addentrandosi tra i vicoli e le strade del centro.

E’ proprio in questo momento che abbiamo iniziato a vedere qualche angolo della città diverso, abbandonato, lasciato a sé stesso. E’ qui che abbiamo iniziato a capire quanto la crisi economica abbia colpito la Grecia, è qui che abbiamo iniziato a vedere con i nostri occhi cos’è la vera crisi. Primi tra tutti negozi chiusi con saracinesche abbassate, edifici con condizionatori in ogni dove ma completamente disabitati e abbandonati.

Così abbiamo chiesto informazioni al tassista che ci ha raccontato della crisi in città: l’aumento dei prezzi, il poter prelevare cifre limitate dai conti bancari, le attività fallite e, nei casi più estremi il non riuscire a pagare le bollette, tanto che la gente è stata addirittura obbligata a scaldarsi in inverno bruciando qualsiasi cosa prendesse fuoco, tra cui gli infissi delle finestre.

Come tutti avevo sentito parlare della crisi e fallimento greco ma non pensavo che la situazione fosse così degenerata e triste.

L’hotel

Quasi un po’ quasi increduli, arriviamo al nostro hotel e salutiamo l’ormai nostro amico tassista 😉

Avevo prenotato su booking.com il Blue Bottle hotel, in zona centrale, dove ci siamo trovati benissimo. Esternamente l’edificio è datato ma all’interno è nuovissimo e pulitissimo, nonchè il personale gentilissimo, ve lo consiglio! Vi lascio la mia recensione
https://www.tripadvisor.it/ShowUserReviews-g189473-d10417497-r594800787-Blue_Bottle_Boutique_Hotel-Thessaloniki_Thessaloniki_Region_Central_Macedonia.html e il sito diretto all’hotel nel caso dovesse servirvi: www.bluebottlehotel.gr

Messa da parte la nostra prima impressione, ci accomodiamo in camera e ci prepariamo per uscire a cena e a visitare la città, sebbene per poco tempo.

Salonicco di sera

Seguendo i consigli della receptionist dell’hotel, abbiamo raggiunto una carinissima zona pedonale a poca distanza dall’hotel, in direzione del mare, gremita di ristoranti, tra i più disparati.

La zona, pur essendo giovedì sera, era frequentatissima da giovani e meno giovani.

Salonicco centro di sera

Avevamo l’imbarazzo della scelta in merito a dove fermarci a mangiare, tutti posti molto carini ma soprattutto economicissimi!!! Abbiamo optato per dei Gyros pita, patatine e bibita per la nostra ultima cena greca e abbiamo speso davvero pochissimo, 9€ in due.

Gyros pita

Da lì abbiamo poi camminato verso il mare e la zona portuale, tra le viette, la gente felice nei locali, le luci, la musica ma…alzando gli occhi vedevamo sempre e perennemente palazzi alti, bui, senza luci, senza infissi, sempre con un sacco di condizionatori attaccati al muro ma disabitati, completamente. Il buio dei palazzi si confondeva con il cielo, si faceva quasi fatica a vederne il confine.

Abbiamo provato una sensazione davvero stranissima, un misto tra smarrimento e tristezza.

La luce e la festa diventavano buio e silenzio guardando in alto, gli edifici sembravano quasi spettrali: è questa l’immagine che mi è rimasta impressa della città.

Salonicco, il centro di sera

Una città dove la crisi ha veramente avuto un grosso effetto, dove la gente cerca di andare avanti con le proprie vite in una cornice quasi melanconica, che suggerisce quello che era una volta la città: economicamente fiorente o per lo meno normale, come una delle città qualsiasi in cui viviamo noi.

Arriviamo così alla zona del porto, anche questa frequentatissima da giovanissimi e non, perfettamente riqualificata, con luci che rendono il luogo davvero molto suggestivo.

Luogo di incontri, di serate all’aperto: coppie di qualsiasi età, compagnie di amici, che bevono qualche birra o semplicemente ammirano la costa della cittadina e le sue luci che si rispecchiano sull’acqua.

Pace, tranquillità e serenità negli animi o semplicemente voglia di passare qualche ora in serenità.

la zona portuale di Salonicco

Siamo arrivati fino infondo al molo, dove si trova un locale di tendenza davvero molto carino e siamo poi tornati indietro, ripercorrendo la strada fino al nostro hotel.

Sulla via del ritorno, con una consapevolezza in più su quello che aveva vissuto Salonicco negli ultimi anni, dopo averlo visto con i nostri occhi, abbiamo notato altri negozi chiusi da saracinesche abbassate e imbrattate o semplicemente vuoti all’interno, con vecchie insegne lasciate lì, a ricordare quello che è stata la città.

Arrivati in hotel, incuriositi e stupiti, abbiamo parlato con la receptionist e chiesto anche a lei cosa fosse successo negli ultimi anni in città. Come ci aveva raccontato il tassista al nostro arrivo, anche lei ci ha confermato come la crisi aveva colpito Salonicco e che effettivamente tantissimi abitanti avevano lasciato appartamenti e uffici centrali per l’aumento dei prezzi, nonché chiuso tantissimi negozi per fallimento.

Che dire, non pensavo di trovare una Salonicco così, andiamo in camera e dormiamo, con un po’ di tristezza per la città ma anche per la Grecia in generale, io onestamente mi sono resa conto solo in questa occasione di cosa si intendesse davvero con fallimento dello stato Greco.

Salonicco panorama dal molo

La partenza, il giorno dopo

E’ giunta l’ora di ripartire: facciamo colazione e saliamo nel nostro taxi puntualissimo, prenotato dall’hotel la sera prima per la mattina.

Partiamo, c’è il sole, la città rivive, facciamo un giretto di giorno per i monumenti e per il centro della città ma purtroppo un aereo ci aspetta.

Arriviamo all’aeroporto, è tempo di lasciare la Grecia per questa volta, con la certezza che ci ritorneremo!

Le mie riflessioni

Come dicevo all’inizio ho scritto quest’articolo di getto, cercando di spiegare quello che mi ha lasciato la città a livello di emozioni e spero di esserci riuscita.

Salonicco è una città da vedere, è storia e testimonianza di quello che ha vissuto la Grecia tutta con il fallimento dello stato, è abitanti che hanno dovuto fare i conti con una grossa crisi economica, è consapevolezza di quello che realmente accade e non di quello che ci dicono i media, minimizzando o massimizzando la situazione. Salonicco è esperienza.

Ecco la spiegazione del titolo di quest’articolo,Salonicco oggi è come se fosse composta da due città:

  • la prima, orizzontale, a livello della strada, una città come tante, con qualche negozio chiuso in più
  • la seconda, verticale, alzando gli occhi verso il cielo, una città spopolata.
Salonicco panorama dal porto

Ah dimenticavo, la città offre tantissime cose di interesse storico e culturale da vedere, ma di questo ve le parlerò se avrò la fortuna di ritornarci! 😉

Spero di non avervi annoiato troppo, questa volta ho preferito relazionare sulla “mia” Salonicco e non sulla Salonicco delle guide turistiche.

E ora siamo pronti a parlare di quell’isola che si raggiunge atterrando a Salonicco: l’isola di Thassos! Vi invito a leggere i miei articoli: Thassos l’isola greca sconosciuta,alla scoperta di Thassos e le spiagge da non perdere a Thassos

Se vi fa piacere e se volete continuare a leggermi, vi invito a seguirmi sui miei social Instagram e Facebook, che trovate qui di seguito, per altri consigli sui miei viaggi e, come sempre…

Enjoy Thessaloniki!!!

TAGS
RELATED POSTS
20 Comments
  1. Rispondi

    Annalisa

    Maggio 6, 2019

    Un vero peccato. La crisi ha messo in ginocchio l’intera nazione. Speriamo che il turismo in primis possa aiutare queste terre a riprendersi e a rinascere, per tornare al loro splendore di qualche anno fa!

    • Rispondi

      Silvia Pellizzon

      Maggio 6, 2019

      Speriamo davvero Annalisa! Il turismo potrebbe essere sicuramente d’aiuto, speriamo sappiano valorizzare al meglio le unicità del paese, dovremmo farlo anche noi qui in Italia, secondo me purtroppo nel turismo non si crede ancora abbastanza a volte.

  2. Rispondi

    Cla

    Maggio 6, 2019

    Molto interessanti le tue riflessioni sulla città. Stringe veramente il cuore pensando alla città ormai morente per via della crisi.

    • Rispondi

      Silvia Pellizzon

      Maggio 6, 2019

      Mi fa piacere Claudia! speriamo si riprenda….

  3. Rispondi

    Michela

    Maggio 6, 2019

    È davvero triste vedere di persona gli effetti che la crisi ha portato su un paese meraviglioso come la Grecia. Molti pensano a questo paese pensando a Myconos, Santorini ecc e pensano che la crisi non li abbia minimante toccati.. e poi ci sono posti come salonicco dove invece la crisi si sente eccome. Grazie per il tuo racconto

    • Rispondi

      Silvia Pellizzon

      Maggio 6, 2019

      Grazie a te Michela! effettivamente le isole più note a livello turistico sono bellissime per carità, ma allo stesso tempo hanno un po’ perso l’identità greca che contraddistingue il paese nel bene e nel male, come in questo caso.

  4. Rispondi

    Monica

    Maggio 6, 2019

    Ma che annoiato! È molto bello leggere il tuo articolo è respirare le tue emozioni. Inutile dire che non si può restare insensibili a quanto la crisi cambi il volto delle città.

    • Rispondi

      Silvia Pellizzon

      Maggio 6, 2019

      Grazie mille Monica, mi fa molto piacere che tu abbia apprezzato!!! 🙂

  5. Rispondi

    anna di

    Maggio 7, 2019

    Bello questo articolo, scritto davvero con il cuore. In effetti anche per me la Grecia, bellissima, l’ultima volta che ci sono stata mi ha lasciato questa sensazione di crisi. Non tanto nelle isole, ma nella Grecia della terraferma La si vede nelle strade abbandonate, nei vicoli sporchi e negli occhi della gente. Eh pensare al patrimonio che hanno a disposizone! Speriamo apriano gli occhi.

    • Rispondi

      Silvia Pellizzon

      Maggio 7, 2019

      Speriamo proprio di si Anna! Mi fa piacere che anche tu abbia avuto la mia stessa sensazione!!! Nelle isole sembra che tutto vada benissimo, mentre nella terraferma si capisce cosa è realmente accaduto. Speriamo possa riprendersi!

  6. Rispondi

    Giovy Malfiori

    Maggio 7, 2019

    Nel bene e nel male, credo vada sempre la pena di “incontrare” città così capaci di raccontare anche i tempi difficili che stiamo vivendo. Grazie per questo racconto.

    • Rispondi

      Silvia Pellizzon

      Maggio 7, 2019

      Grazie a te Giovy, mi fa piacere e sono assolutamente d’accordo con te.

  7. Rispondi

    Blery&Ily

    Maggio 7, 2019

    Premesso che, nonostante le nostre origine greche, ancora non abbiamo visitato la Grecia. Innamorate però della pita gyros, già da piccole…per anni l’abbiamo cercata di trovarla in Italia, ma il sapore non era mai lo stesso.

    E’ nella lista dei posti da visitare e un giorno ci andremo sicuramente.

    Blery&Ily
    https://thesprintsisters.com

    • Rispondi

      Silvia Pellizzon

      Maggio 7, 2019

      Eh si, buonissima e inimitabile!!!

  8. Rispondi

    Sara Chandana

    Maggio 7, 2019

    Per quanto ci possano essere momenti malinconici, dovuti all’osservare gli effetti della crisi, questi per me sono i Viaggi. Perché ti permettono di vedere come stano le cose, di tenere gli occhi aperti sul mondo, di incontrare le terre e le persone.

    • Rispondi

      Silvia Pellizzon

      Maggio 7, 2019

      Assolutamente d’accordo con te Sara, anzi, questi sono i Viaggi che lasciano maggiormente il segno 😉

  9. Rispondi

    Cristina

    Maggio 7, 2019

    Salonicco dev’essere stata una grande città, è un peccato che la crisi greca l’abbia messa in ginocchio. Spero via siate gustati la vacanza precedente nelle isole greche che valgono sempre la pena!

    • Rispondi

      Silvia Pellizzon

      Maggio 7, 2019

      Assolutamente si Cristina, ma per quanto mi riguarda anche la visita a Salonicco ne è valsa la pena, è sempre esperienza e conoscenza e poi crisi a parte è una città che offre molto!

  10. Rispondi

    Veronica | Lost Wanderer

    Maggio 7, 2019

    Spesso si tende a vedere solo il lato turistico di una città e si omettono le parti “brutte”. Tu invece hai raccontato una realtà che va vissuta per capirla fino in fondo e che va raccontata per far capire che per quanto la Grecia sembri tutt’ora florida per via di Santorini e Oia in generale, c’e’ anche il rovescio della medaglia.

    • Rispondi

      Silvia Pellizzon

      Maggio 7, 2019

      Esattamente Veronica, era proprio questo il mio intento quindi grazie mille per le tue parole. Effettivamente nemmeno i media l’hanno mai descritta così come l’ho trovata e ritengo giusto raccontare la realtà, per sapere e informare il più possibile. Con ciò consiglio vivamente di visitare la città, anzi! nel nostro piccolo possiamo dare un contributo alla sua ripresa.

Commenta

Silvia Pellizzon
Venezia, IT

Ciao! Due informazioni veloci su chi sono: mi chiamo Silvia, ho 30 anni e vivo in provincia di Venezia. Per me viaggiare è parte integrante della mia vita. Lo faccio da sempre. Da bambina era tutto semplice e bellissimo, crescendo però mi sono accorta di quanto possa essere complicato viaggiare se non si è ben informati, così la mia passione è diventata anche un lavoro. Oggi ho deciso di iniziare a condividere i miei viaggi e la mia esperienza nell'organizzazione per cercare di essere d'aiuto a chi sceglie di aprire la propria mente visitando nuovi luoghi!

Seguimi su Facebook!
Seguimi su Instagram!
  • Una coccola in questa grigia giornata! 😅😋😍
•
•
•
•
#travel #traveleurope #maccarons #dolcetto #destinazioneblogger #travelblogger #travelbloggeritaliane #travelholic #travelguide #traveller #travelphotography #travelgram #wonderfulplaces #bloggeritalia #blogger #aroundtheworld #trip #viaggiare #viaggio #bloggeritaliane #bloggergram #bestpic #lovetravel #yallersitalia #igersitalia #new_photoitaly #progettoblog
#okioparto
  • E come ogni giovedì che si rispetti, il mio nuovo articolo in bio dedicato alla gita fuori porta a #sandanieledelfriuli a mangiare il super #prosciuttocrudo che adoro e che soprattutto mi è così tanto mancato in gravidanza!! 😍❤️😋
•
Con l’occasione, se volete scoprire di più sul Friuli Venezia Giulia vi rimando alla mia amica blogger @viaggiaconyle, espertissima della sua regione con articoli davvero interessanti! 😍😍😍
•
•
•
•
#travel #traveleurope #weekend #destinazioneblogger #travelblogger #travelbloggeritaliane #travelholic #travelguide #traveller #travelphotography #travelgram #wonderfulplaces #bloggeritalia #blogger #aroundtheworld #trip #viaggiare #viaggio #bloggeritaliane #bloggergram #prosciuttosandaniele #lovetravel #yallersitalia #igersitalia #new_photoitaly #progettoblog
#okioparto
  • E quindi... eccoci qui pronti con il primo articolo sull’isola greca di #thassos !
•
L’articolo che trovate in bio è un’introduzione all’isola non ancora troppo conosciuta dal turismo di massa e che vanta di tanti angoli di natura selvaggia! 😍🗺🏖
•
•
•
•
#travel #traveleurope #weekend #destinazioneblogger #travelblogger #travelbloggeritaliane #travelholic #travelguide #traveller #travelphotography #travelgram #wonderfulplaces #bloggeritalia #photooftheday #aroundtheworld #trip #viaggiare #viaggio #bloggeritaliane #picoftheday #bestpic #lovetravel #yallersgreece #igersgreece #isolegreche #progettoblog
#okioparto #nofilter
  • Finalmente il ☀️!! Nonostante è risaputo che io ami l’inverno, queste giornate mi fanno venire voglia di #estate ! •
Da giovedì si inaugura la sezione del blog dedicata a questa stagione con il primo articolo dedicato alle vacanze estive!
•
Questa foto è stata scattata sull’isola di #thassos la scorsa estate... la conoscete?
•
•
•
•
#travel #traveleurope #vacanzeestive #grecia #destinazioneblogger #travelblogger #travelbloggeritaliane #travelholic #travelguide #traveller #travelphotography #travelgram #wonderfulplaces #bloggeritalia #photooftheday #aroundtheworld #trip #viaggiare #viaggio #bloggeritaliane #picoftheday #bestpic #lovetravel #isolegreche #sea #progettoblog
#okioparto
  • The earth and the #storm 🌪🌧☀️🌈 my favourite weather 😍😅
•
•
•
•
#travel #traveleurope #weekend #veneto #visitveneto #destinazioneblogger #travelblogger #travelbloggeritaliane #travelholic #travelguide #traveller #travelphotography #travelgram #wonderfulplaces #bloggeritalia #photooftheday #aroundtheworld #trip #viaggiare #viaggio #bloggeritaliane #picoftheday #bestpic #lovetravel #yallersitalia #igersitalia #new_photoitaly #progettoblog
#okioparto
  • Eccoci qui!! In bio il link diretto al mio articolo su #matera e i suoi Sassi, i caratteristici rioni della città!!!❤️😍❤️
E voi l’avete visitata?
•
•
•
•
#travel #sassidimatera #weekend #destinazioneblogger #travelblogger #travelbloggeritaliane #travelholic #travelguide #traveller #travelphotography #travelgram #wonderfulplaces #bloggeritalia #photooftheday #aroundtheworld #trip #viaggiare #viaggio #bloggeritaliane #materacapitaledellacultura2019 #matera2019 #lovetravel #yallersitalia #igersitalia #new_photoitaly #progettoblog
#okioparto #nofilter
  • Una città che amo!! unica e magica, un tuffo nella storia ❤️ È questa #matera, la nostra #capitaleeuropeadellacultura2019!
•
📌📝 domani trovate l’articolo sul mio blog, appena sfornato! 😍
•
•
•
•
#tra el #weekend #matera2019 #destinazioneblogger #travelblogger #travelbloggeritaliane #travelholic #travelguide #traveller #travelphotography #travelgram #wonderfulplaces #bloggeritalia #photooftheday #aroundtheworld #trip #viaggiare #viaggio #bloggeritaliane #picoftheday #lovetravel #yallersitalia #igersitalia #new_photoitaly #materacapitaledellacultura2019 
#okioparto
  • 07.04.2019 Una giornata bellissima per il battesimo del nostro piccolo in un posto meraviglioso!! ❤️ 👪 Se siete in zona vi consiglio di cenare o pranzare qui e di assaggiare lo spiedo della casa e le specialità di stagione! Una bontà indescrivibile 😍😋 per non parlare di tutto il giardino ricavato su un’ansa del fiume Brenta! 🥂🍀🌳🌲
•
•
•
•
#aboutlastsunday #travel #weekend #agriturismolapenisola #destinazioneblogger #travelblogger #travelbloggeritaliane #travelholic #travelguide #traveller #travelphotography #travelgram #wonderfulplaces #bloggeritalia #photooftheday #aroundtheworld #trip #viaggiare #viaggio #bloggeritaliane #picoftheday #bestpic #lovetravel #yallersitalia #igersitalia #new_photoitaly #progettoblog
#okioparto #nofilter

Seguimi!

Archivio Articoli