Estate Italia

Spiagge del Salento ionico: la Puglia delle meraviglie

on
19 Agosto, 2016

Il litorale e le spiagge del Salento ionico sono diventate famoso soprattutto per la presenza di Gallipoli, meta di vacanza di giovani italiani e europei, perché offre d’estate un calendario veramente vasto di serate con alcuni tra i migliori dj a livello internazionale.

Spiagge del Salento ionico: la valigia

Il litorale del Salento Ionico si presenta per lo più basso e sabbioso, caratterizzato dalla costante presenza del mare trasparente e cristallino. E’ quindi molto più comodo e meno avventuroso, rispetto al litorale adriatico.

Spiagge del Salento ionico

Qualsiasi spiaggia del Salento ionico decidiate di frequentare lungo il litorale, vi consiglio di portare tutto il necessario per la spiaggia  libera fai da te, per potersi posizionare nei posti migliori e isolati (per quanto possibile…), evitando di essere vincolati a rimanere sulle zone attrezzate, spesso affollate di gente, nonché di spendere dei bei soldini per il noleggio di lettini e ombrelloni che peraltro non si trovano ovunque.

Poi pinne, maschera e boccaglio sono sempre graditi per esplorare a fondo questo mare che ha così tanto da offrirci!

Spiagge del Salento ionico: esperienze da non perdere e consigli

Io adoro questo litorale, è uno dei miei posti preferiti per le vacanze, sia per la sua oggettiva bellezza, sia per le esperienze che offre il territorio, come ad esempio:

  • Il tramonto sul mare: eh già perché da questo litorale vediamo il sole tramontare dietro alle onde, come una grande palla di fuoco che cade nell’acqua e qui sprofonda, per dare spazio alla vita notturna, attendendo l’alba del giorno dopo. Da veneta quale sono, questa per me è un’esperienza davvero diversa, io di solito vedo il sole nascere dal mare!

Spiagge del Salento ionico

  • Inoltratevi nell’entroterra per scoprire la vera natura salentina dei piccoli paesini, quasi dimenticati di questa parte di Italia e girate, girate più che potete, per sagre e manifestazioni poiché l’estate qui è piena di eventi, che trovano il loro fulcro nella cultura locale. Girare il Salento è davvero semplice, poiché le località sono collegate da una superstrada ad alto scorrimento che percorre l’entroterra, con tratti a due corsie.
  • Informatevi sul vento, attraverso il meteo o parlando con le persone del luogo, prima di raggiungere le spiagge. Vi sconsiglio caldamente questa parte di litorale nel caso di vento di Tramontana: mi è infatti capitato di passare una giornata a Pescoluse con questo vento ed era impossibile stare sotto al sole dalla quantità di afa e l’acqua era caldissima. Senza nessuna possibilità di sollievo, ad un certo punto ci siamo rintanati all’ombra, ma, ciò nonostante il mio più grande desiderio era quello di ritornare in auto, con l’aria condizionata! Con gli altri venti la situazione dovrebbe essere migliore, ad ogni modo la costa è il massimo dello spasso con il vento di Grecale, che rende il mare calmo e l’aria non troppo afosa. Se volete saperne qualcosa in più leggete il mio articolo: Vento in Salento: sulle tracce della rima

Per maggiori info sul vento potete anche consultare la pagina: https://www.supermeteo.com/

Ma passiamo ora alle spiagge da non perdere in questa zona, iniziamo dalla parte più a nord per poi scendere fino al tacco:

  • Porto Selvaggio e Punta Prosciutto
  • Gallipoli
  • Torre San Giovanni, Torre Mozza, Lido Marini, Marina di Ugento
  • Pescoluse, Maldive del Salento

Vi aspetto quindi nel mio prossimo articolo, per scoprire queste spiagge nel dettaglio.

Infine vi ricordo che se volete scoprire le altre zone Salentine, potete leggere i miei articoli:

Salento: lu sole, lu mare, lu jentu

Le spiagge più belle del Salento: il litorale adriatico

Santa Maria di Leuca: il Salento tra i due mari

Vento in Salento: sulle tracce della rima

…buona lettura e a presto con la prossima zona Salentina!!!

TAGS
RELATED POSTS

Commenta

Silvia Pellizzon
Venezia, IT

Ciao! Due informazioni veloci su chi sono: mi chiamo Silvia, ho 30 anni e vivo in provincia di Venezia. Per me viaggiare è parte integrante della mia vita. Lo faccio da sempre. Da bambina era tutto semplice e bellissimo, crescendo però mi sono accorta di quanto possa essere complicato viaggiare se non si è ben informati, così la mia passione è diventata anche un lavoro. Oggi ho deciso di iniziare a condividere i miei viaggi e la mia esperienza nell'organizzazione per cercare di essere d'aiuto a chi sceglie di aprire la propria mente visitando nuovi luoghi!

Seguimi su Facebook!
Archivio Articoli