Estate Europa

Isola greca di Thassos: le spiagge da non perdere

on
Luglio 8, 2018

L’isola di Thassos offre l’imbarazzo della scelta in merito alle spiagge: di sabbia, di sassi, di roccia, piscine naturali, un paradiso dove tutti possono trovare il proprio habitat preferito.

Per le informazioni generiche sull’isola, preparare il vostro viaggio e i consigli su vitto e alloggio, vi invito a leggere i miei articoli: Thassos, l’isola sconosciuta e Alla scoperta di Thassos: consigli utili per l’isola low cost

In questo articolo invece, vi descriverò nel dettaglio le spiagge visitate da me e Daniele (sempre lui, il mio compagno) e come ci siamo organizzati per la nostra esplorazione.

Per una maggiore semplicità abbiamo deciso di visitare un paio di spiagge al giorno, vicine tra di loro, in modo tale da approfondire zona per zona e evitare di spostarci troppo in auto tra una spiaggia e l’altra.

Cosa importante: la maggior parte delle spiagge sono ben segnalate da cartelli sulla strada, quindi facili da trovare e in linea di massima, le spiagge più belle si trovano sul versante sud-est dell’isola.

In linea di massima le spiagge hanno tutte delle aree parcheggio gratuito in prossimità più o meno della spiaggia, a volte anche esageratamente a ridosso di quest’ultima però comunque è raro che si necessiti di camminare molto per raggiungere la spiaggia, una volta parcheggiata l’auto.

Per consultare l’articolo più facilmente, inizio presentandovi la classifica delle spiagge da noi visitate e ordinate secondo il mio parere, dalla più bella alla meno interessante, cliccando sopra il nome andate direttamente alla descrizione di ogni spiaggia!

  1. Skidia – spiaggia rocciosa, non attrezzata

  2. Selvaggia prima di Skala Kalirakis – spiaggia rocciosa, non attrezzata

  3. Paradise beach – spiaggia di sabbia, attrezzata

  4. Salonikios – spiaggia di sassolini, attrezzata

  5. Porto Vathi – marble beach – spiaggia di sabbia/sassolini, attrezzata

  6. Platana, spiaggia di sabbia/sassolini, attrezzata

  7. Aliki – spiaggia di sabbia/sassolini, attrezzata

  8. Chrissi Ammudia – golden beach – spiaggia di sabbia, attrezzata

  9. Timonia, spiaggia di sabbia, attrezzata

  10. Notos – spiaggia di sabbia, attrezzata

  11. Pachis – spiaggia di sabbia, attrezzata

Qui di seguito invece la descrizione delle spiagge da noi visitate day by day:

1° giorno:

Aliki

Quando arrivate ad Aliki, vedrete subito l’accesso alla spiaggia in quanto sono sempre molte le auto parcheggiate lungo la strada, nonché addirittura i bus.

La spiaggia di Aliki è divisa in due parti:

  1. una più turistica, affollata e con diversi locali dove godere di un pranzo fronte mare;
  2. una meno affollata e un po’ più selvaggia, comunque dotata però di un punto ristoro dove abbiamo mangiato un ottimo e gigante Gyros: noi abbiamo scelto la parte più chiaramente più selvaggia.

Entrambe le spiaggette sono facilmente raggiungibili, una volta arrivati ad Aliki, prendendo la stradina in discesa a sinistra si arriva alla parte più selvaggia, tenendo la destra invece a quella più turistica.

La spiaggia è bella, sebbene la parte attrezzata è un po’ strettina e non c’è grande possibilità di muovere i lettini, quindi qui vi consiglierei di attrezzarvi per la spiaggia libera, più spaziosa.

L’acqua che dire è chiaramente cristallina!

  • COSTI:

€ 5.00 per ombrellone + 2 lettini

€ 3.00 se volete solo l’ombrellone per utilizzarlo nella parte di spiaggia libera

Poi abbiamo speso altri 5€ per il cibo: un Gyros che abbiamo tranquillamente mangiato in due poiché gigante, acqua e una birra, insomma ne è valsa la pena!

  • COSA PORTARE CON VOI:

Scarpette per gli scogli, maschera e boccaglio

  • CONSIGLI:

Per una maggiore pace e tranquillità, con il supermarket davanti a voi prendete la stradina a sinistra per scendere al mare per raggiungere la parte più selvaggia della località.

La spiaggia è attrezzata con parcheggio, bagni e luogo di ristoro.

  • TIPOLOGIA SPIAGGIA: sabbia

Isola greca di Thassos: le spiagge da non perdere aliki

Timonia

La seconda spiaggia del primo giorno, più ampia di Aliki, qui si possono noleggiare dei gazebi da spiaggia quadrati, sempre con due lettini e sempre al costo di 5€ o in alternativa c’è tantissimo spazio per la spiaggia libera. Sicuramente questa spiaggia è molto più spaziosa e meno affollata di Aliki, ma non mi è piaciuta particolarmente, poiché non essendo una baietta piccola il mare era un po’ più agitato e in generale non è stata tra le mie spiagge preferite. La consiglio comunque a chi vuole un po’ di pace e tranquillità.

  • COSTI:

€ 5.00 per ombrellone + 2 lettini

  • COSA PORTARE CON VOI:

Scarpette per gli scogli, maschera e boccaglio

La spiaggia è attrezzata con parcheggio e bagni

  • TIPOLOGIA SPIAGGIA: sabbia

Isola greca di Thassos: le spiagge da non perdere timonia

2° giorno

Atspas

Oggi decidiamo di recarci verso il sud ovest dell’isola, la nostra meta sarebbe dovuta essere la spiaggia di Atspas. Una volta arrivati però la troviamo davvero troppo affollata per i nostri gusti, la zona parcheggio è situata lungo una stradina di sabbia che scende verso la spiaggia e in cui non abbiamo trovato alcun posto per l’auto.

La spiaggia si presenta attrezzata, sebbene per mangiare qualcosa si deve stare sulla strada litoranea, a cui si accede anche tramite delle scalinate.

Non ispirandoci granché questa spiaggia, abbiamo deciso di proseguire la litoranea verso ovest, in direzione Skala Kalirakis.


Spiaggia non attrezzata prima di Skala Kalirakis

Iniziamo a scorgere delle spiaggette libere sotto la strada, alcune più larghe, altre meno, fino a che non decidiamo di fermarci trovando una piazzola sulla litoranea dove parcheggiare la macchina.

Scendiamo attraverso un sentierino a piedi verso la costa: scorgiamo il paradiso!!! Una delle zone più belle che abbiamo scoperto!! Innanzitutto perché non c’era nessuno, o quasi, forse un’altra coppia, l’acqua trasparente, attenzione però sono necessarie le scarpette da roccia perché il fondale è inizialmente roccioso e popolato da qualche riccio marino.

Oltrepassato questo primo tratto di mare, l’acqua diventa ancora più bella e chiara: è qui che si estende una lingua di sabbia nel mare, molto larga e che mantiene un’altezza omogenea, di circa 1.20: sembra davvero di essere in un mare tropicale!!! Un paradiso davvero, anzi, il nostro piccolo angolo di paradiso!!

Non sarei più andata via da questa spiaggetta, ma la scorta, soprattutto d’acqua, stava iniziando a scarseggiare e quindi abbiamo passato qui solo la mattinata.

Queste spiaggette non sono attrezzate e per fortuna! La loro natura è rimasta selvaggia e l’unica cosa che offrono sono un mare strepitoso e dell’ombra gentilmente offerta dagli alberi secolari in riva al mare.

Ve la consiglio davvero!!

A questo punto ci siamo perciò spostati verso una spiaggetta carina e attrezzata, la spiaggia di Platana.

  • COSTI:  0 €
  • COSA PORTARE CON VOI:

Scarpette per gli scogli, maschera e boccaglio

Acqua, cibo e viveri (spiaggia non attrezzata)

Ombrellone (in alternativa potete utilizzare l’ombra degli alberi)

  • TIPOLOGIA SPIAGGIA: sabbia e scogli (bassi) per entrare al mare

Isola greca di Thassos: le spiagge da non perdere skala kalirakis

Platana

Una delle spiaggette più belle, sia in termini di clima che si respira, di relax, di quantità di turisti, insomma ve la consiglio.

Il parcheggio è proprio dietro alla spiaggia e la spiaggia è attrezzata. Il costo di due lettini e un ombrellone è pari a €5.00, quindi economica.

C’è un baretto verso il parcheggio e anche un beach bar, dove una simpatica cameriera fa direttamente il servizio all’ombrellone, quindi si può ordinare direttamente il cibo o le bevande comodamente distesi! I prezzi sono contenuti e la qualità di cibo e bibite molto buono!

L’ambiente è molto easy e propone un sottofondo musicale, spesso reggae o comunque soft.

Infine il mare è molto bello, spiaggia sabbiosa e acqua trasparente!

  • COSTI:

€ 5.00 per ombrellone + 2 lettini

  • COSA PORTARE CON VOI:

Maschera e boccaglio

La spiaggia è attrezzata con parcheggio, bagni, docce e luogo di ristoro.

  • TIPOLOGIA SPIAGGIA: sabbia

Isola greca di Thassos: le spiagge da non perdere platana

3° giorno

Marble beach: Saliara & Porto Vathi

Ci dirigiamo verso nord, praticamente verso la città di Thassos, punto di partenza per i traghetti per la Grecia. Quest’oggi andiamo alla scoperta delle spiagge di marmo, Marble beach, localizzate praticamente sotto una grande cava di marmo, che si trova sulla costa est dell’isola.

Dopo circa 40 minutini di auto, partendo da Potos, raggiungiamo i primi cartelli che segnalano le spiagge; scegliamo di raggiungere Saliara, prendendo la strada più a nord: pessima scelta, con il senno di poi conviene prendere la via per queste spiagge da più a sud, subito dopo Chrissi Ammudia e la zona di Golden beach.

Entrambe le strade per raggiungere le località non sono facilmente percorribili, in quanto strette e piene di buche, da percorrere lentamente perché sono caratterizzate da solchi e buche, nonchè con i finestrini chiusi: la quantità di polvere che si alza è davvero tanta essendo strade sterrate: tra le due comunque la migliore è come vi dicevo quella più a sud.

Raggiungiamo dapprima la località di Saliara, in cui non ci fermiamo nemmeno, è piena zeppa di persone, procediamo quindi scorgendo una piccola scritta per Porto Vathi.

Isola greca di Thassos: le spiagge da non perdere porto vathi

Arriviamo: è tutto bianco!!

Dalla quantità di colore bianco presente in questa spiaggia, dovuto al marmo, bruciano quasi gli occhi al sol guardare davanti a noi. La spiaggia si trova infatti proprio ai piedi di una cava di marmo, ancora in utilizzo (infatti non so quanto a norma sia…) ed è proprio questa sua caratteristica che regala all’acqua un colore particolare ma spettacolare, tra il verde e l’azzurro.

La sabbia granulosa, bagnata dall’acqua sembra rosa, mentre da asciutta mantiene il suo colorito bianco: insomma la spiaggia è unica nel suo genere sull’isola!

porto vathi

Si parcheggia dietro alla parte attrezzata, anche qui c’è una zona di spiaggia libera a destra e una attrezzata a sinistra con un bel baretto, attivo anche per diverse serate, dove il sottofondo musicale è attivo e vario tutto il giorno.

Unica pecca: le auto praticamente passano in mezzo alle due parti dedicate agli ombrelloni, ma dal vivo non è poi così fastidioso.

porto vathi

Per quanto ci riguarda è stata una bella esperienza!

  • COSTI:

Per un ombrellone e due lettini il prezzo varia rispetto alla vicinanza dal mare e va dai 10€ ai 20€: la cosa interessante è che l’importo viene scalato se si ordina qualcosa da mangiare e da bere.

Noi abbiamo preso un ombrellone da 15€, peraltro in posizione comodissima, a metà e abbiamo mangiato per 15€, risultato: sono stati gli unici 15€ spesi per spiaggia+cibo.

  • CONSIGLI:

Raggiungete Porto Vathi piuttosto che Saliara.

Consiglio di prendere la prima strada che scorgete con il cartello Marble beach, arrivando da Golden Beach – Chrissi Ammoudia e Skala Potania poiché tra le due è la migliore.

Evitate di raggiungere queste spiagge se soffrite di mal d’auto e se non avete l’aria condizionata che vi permette di tenere i finestrini chiusi.

Molta prudenza e attenzione.

La soluzione migliore, è quella di noleggiare un quad per raggiungere queste spiagge

Una volta arrivati sulle località seguite i consigli dei parcheggiatori, se no vi urlano dietro!

La spiaggia è attrezzata con parcheggio, bagni, docce e luogo di ristoro.

  • TIPOLOGIA SPIAGGIA: sabbia rosa/bianca granulosa con qualche sassetto

Se volete immergervi in un posto ancora più selvaggio esiste poi una terza baietta, più a sud di Porto Vathi, dove però la spiaggia è solo libera e non è segnalata. La vedete dalla strada in quanto su questa baia avevano iniziato a costruire un hotel, che poi non ha mai aperto perché completamente fuori norma ed è sicuramente più lontana dal turismo di massa che trovate nelle due precedenti spiagge. Unico problema? È piena di api e maggiormente difficile da raggiungere.

porto vathi

Chrissi Ammudia: Golden Beach

Per completare la giornata decidiamo di fermarci nella zona di Golden Beach, una lunga baia a disposizione dove vi si trovano diverse località (come Chrissi Akti e Anapsiktirio), tra le quali la più famosa e bella è Chrissi Ammudia, definita proprio la parte principale di Golden Beach.

Qui si estende una lunga distesa di sabbia, sempre abbastanza granulosa, con sfumature dorate; questa zona è sicuramente più semplice da raggiungere e “vivere” anche per esempio da famiglie con bambini ed è attiva sia di giorno che di sera, con i tanti locali e ristoranti che si affacciano sulla spiaggia dove è possibile cenare.

  • COSTI:

Non conosco i costi della zona poiché ci siamo fermati poco e siamo andati direttamente nella spiaggia libera, ma saranno sicuramente allineati a quelli sopra citati.

  • CONSIGLI:

Per evitare la parte più affollata, vi consiglio di raggiungere la spiaggia dalla zona centrale, attraverso delle dune di sabbia.

  • COSA PORTARE CON VOI:

Maschera e boccaglio

Acqua, cibo e viveri e ombrellone (per la spiaggia non attrezzata)

  • TIPOLOGIA SPIAGGIA: sabbia

4° giorno

Paradise beach

Quest’oggi stiamo nei dintorni della nostra casetta e decidiamo di visitare questa splendida spiaggia: Paradise Beach, in assoluto una delle più belle spiagge di Thassos!!

La spiaggia è ben segnalata e anche in questo caso è divisa in due parti, una più turistica, una meno, sebbene sia ovunque affollatissima.

La spiaggia è stupenda: si tratta di una distesa di sabbia racchiusa in una baia.

L’acqua poi è una meraviglia: innanzitutto resta molto bassa fino a parecchio lontano dalla costa e poi è trasparente davvero, con i pesciolini che nuotano attorno, davvero un paradiso, come suggerisce il nome!

La spiaggia è per lo più attrezzata, ma ci sono anche delle zone per la spiaggia libera, o sugli scogli subito a sinistra, scendendo in spiaggia dalla parte di Nico’s grill, andando più avanti, dalla stessa parte, c’è invece una zona dedicata ai soli nudisti.

  • COSTI

€ 7.00 per ombrellone e due lettini. Il cibo non viene scalato dall’importo, sebbene i prezzi al bar sono sempre nella media dell’isola, quindi economici.

  • COSA PORTARE CON VOI:

Maschera e boccaglio, il mare è davvero una meraviglia!!!

  • CONSIGLI:

Per evitare la parte più affollata, vi consiglio di raggiungere la spiaggia scendendo dove vedete il cartello Nico’s grill: arrivando da Potos è poco più avanti rispetto all’indicazione per Paradise beach, mentre arrivando da nord è un po’ prima, ad ogni modo il cartello è ben visibile.

La spiaggia è attrezzata con parcheggio, bagni, docce e luogo di ristoro.

  • TIPOLOGIA SPIAGGIA: sabbia e scogli, dipende dove decidete di stare

Isola greca di Thassos: le spiagge da non perdere paradise beach

paradise beach

Skidia

Al pomeriggio decidiamo di spostarci a Skidia, consigliata da diversi locali. Vi si accede seguendo il cartello dalla strada litoranea principale, entrando da una cancellata e attraversando un piccolo villaggio: non vi preoccupate, nulla di strano, siete sulla giusta strada!

Qui l’ambiente cambia completamente in quanto la spiaggia è praticamente tutta rocciosa, con le scalette che aiutano a scendere in acqua dagli scogli: un’altra tra le mie spiagge preferite dell’isola!

Pace, silenzio, poca gente, è sufficiente scegliersi il proprio scoglio per assaporare davvero il relax. L’acqua poi è fantastica, fresca, pulitissima, certo, subito profonda. Ci si può immergere tramite i diversi punti di discesa con scaletta o tuffare direttamente… al sol ricordo vorrei tornarci ora!

Siamo stati su questa spiaggia fino al tramonto, cercando di risparmiare la scorta d’acqua poiché proprio non volevamo andarcene, davvero un’esperienza fantastica!

Peraltro la spiaggia è dotata di uno dei parcheggi più comodi, in quanto piano, a differenza dei parcheggi per raggiungere le altre spiagge spesso in discesa.

Isola greca di Thassos: le spiagge da non perdere skidia

Risalendo verso l’auto, decidiamo di tornare anche per cena, infatti subito dietro la spiaggia vi si trova una buona trattoria tipica, la Kekes Beach Skidia Tavern, Skidia Aliki Thassos, Aliki 640 04, Grecia +30 694 851 3049; ecco se volete, la mia recensione: https://www.tripadvisor.it/ShowUserReviews-g3381440-d3301095-r593281356-Skidia_Tavern_Kekes_Beach-Aliki_Thasos_Northeast_Aegean_Islands.html

Con l’occasione, se volete altri consigli su dove mangiare a Thassos vi rimando al mio articolo: Alla scoperta di Thassos, consigli utili per l’isola low cost.

Una giornata praticamente bellissima! Credo di poterla definire come la migliore giornata della nostra vacanza!

  • COSTI: € 0.00
  • COSA PORTARE CON VOI:

Maschera e boccaglio, il mare è davvero una meraviglia!!!

Scarpette per gli scogli.

Un ombrellone eventualmente da incastrare tra gli scogli.

La spiaggia è attrezzata con parcheggio, bagni e luogo di ristoro, ma non con ombrelloni e lettini.

  • TIPOLOGIA SPIAGGIA: roccia e scogli

skidia

skidia

5° giorno

Salonikios

Anche oggi decidiamo di goderci le spiagge nel profondo sud dell’isola, è inutile, a nostro avviso sono le più belle!

Decidiamo di andare alla ricerca della spiaggia di Salonikios, che non abbiamo mai visto indicata durante le tante volte che abbiamo percorso la strada litoranea, da nord a sud.

Guardando attentatamene con cartina alla mano, scorgiamo l’indicazione per la spiaggia, che si raggiunge prendendo una stradina sterrata di terra rossa subito dopo Astris.

La strada sterrata è sicuramente migliore rispetto a quella per raggiungere Marble Beach, ma anche qui vi consiglio caldamente di chiudere i finestrini e stare attenti alle buche, vista peraltro la terra rossa.

Dopo una decina di minuti circa, si arriva alla spiaggia: un’oasi di pace e relax, con pochissime persone, gazebi rettangolari di legno con lettini costruiti con dei bancali e un materassino sopra, c’è poi anche un baretto per cibo e bevande, dove peraltro lavora un ragazzo di Padova.

Il sottofondo di musica rilassante e reggae è anche qui quasi sempre presente.

Spiaggia di sassolini e mare trasparente dove la quantità di pesciolini che vi nuotano è smisurata, abbiamo ipotizzato ci fosse propriamente una barriera corallina nei primi metri di mare, poi calpestata e distrutta dall’uomo.

Inutile dire che anche questa spiaggia rientra nella mia top ten delle spiagge preferite! Clima perfetto, relax, poca gente, una delle migliori scelte che potessimo fare per la nostra penultima giornata sull’isola.

Unica pecca, verso le ore 12.00 e più o meno fino alle ore 14.00 arriva la barca delle escursioni (con cui visitare dal mare più spiagge al giorno) quindi arriva più gente, ma poi, se ne va.

  • COSTI:

€ 7.00 per gazebo e due lettini. Il cibo non viene scalato dall’importo.

  • COSA PORTARE CON VOI:

Scarpette per gli scogli (se vi danno fastidio i sassolini, come a me

Maschera e boccaglio, il mare è davvero una meraviglia!!!

La spiaggia è attrezzata con parcheggio, bagni e luogo di ristoro.

  • TIPOLOGIA SPIAGGIA: sassolini

Isola greca di Thassos: le spiagge da non perdere salonikios

Notos

Concludiamo la giornata decidendo di spostarci sulla spiaggia di Notos o Psili Ammos, che abbiamo sempre visto dalla strada, molto frequentate.

Passiamo per Psili Ammos ma ci risulta sempre troppo turistica e per quanto il mare sembri bello, fermarci non ci ispira proprio.

Andiamo quindi a Notos: anche qui la spiaggia si divide in due baiette, una non attrezzata e una attrezzata, dipende un po’ da voi e da quello che cercate, sicuramente entrambe le parti si presentano molto turistiche e molto frequentate.

La parte non attrezzata si raggiunge seguendo il primo cartello Notos, provenendo da est verso ovest, sempre lungo la strada litoranea, mentre la seconda zona, attrezzata, si raggiunge seguendo la seconda indicazione, sempre provenendo da est, dalla strada litoranea.

Noi abbiamo optato per raggiungere la spiaggia attrezzata, dopo un aver fatto capolino nella prima parte.

Che dire, il mare è molto bello, come ovunque, la spiaggia è molto turistica, simile a Golden Beach, solo che decisamente più piccola; sicuramente comoda per famiglie che preferiscono raggiungere un luogo comodo e aperto, simile un po’ alle nostre spiagge Adriatiche.

Dietro la spiaggia c’è un bel baretto tipico con prezzi molto economici e buon cibo.

Non è stata tra le mie spiagge preferite, pur non essendo comunque malvagia, preferisco sinceramente altre spiagge.

  • COSTI:

Noi siamo arrivati per le ore 17.00 e ci siamo accomodati su un ombrellone libero con due lettini, i prezzi non erano esposti e nessuno ci è venuto a chiedere nulla, probabilmente vista che l’ora del nostro arrivo, tantomeno ho chiesto informazioni per evitare di dover pagare.

  • COSA PORTARE CON VOI:

Acqua, cibo e viveri e ombrellone (per la spiaggia non attrezzata)

  • CONSIGLI UTILI:

Per raggiungere la spiaggia attrezzata, seguite l’indicazione dalla strada litoranea principale e percorrete poi una strada sterrata che vi porta fino al mare: potete parcheggiare lungo quest’ultima o nelle varie aree adattate a parcheggio tra gli alberi che si trovano o se avete fortuna potreste trovare un posto praticamente fronte mare. La spiaggia qui è attrezzata con parcheggio, bagni e luogo di ristoro.

Per raggiungere invece la spiaggia non attrezzata è necessario parcheggiare alti, a lato della litoranea e scendere poi a piedi verso il mare, lungo una strada di sassi e massi, in discesa quindi fate attenzione e evitatela in caso di ridotta mobilità o se vi spostate con passeggini o simili.

  • TIPOLOGIA SPIAGGIA: sabbia

Se siete amanti dei tuffi e degli scogli, vi consiglio di fermarvi a Giola, che si trova un po’ dopo Astris provenendo da ovest sulla litoranea.

Noi onestamente non l’abbiamo raggiunta, scoraggiati da un numero sempre abbondante di auto parcheggiate in prossimità dell’indicazione e dal fatto che una volta parcheggiato, si deve camminare circa una ventina di minuti per raggiungere questa sorta di piscina naturale in cui è necessario tuffarsi.

Credo sia una spiaggia unica e imperdibile per gli amanti del genere ma noi abbiamo preferito sfruttare il nostro tempo con altre spiagge.

6° giorno

La mattina decidiamo di concederci le ultime ore di relax prima del ritorno alla vita quotidiana su una delle spiagge più tranquille che abbiamo frequentato durante la nostra vacanza: decidiamo quindi di tornare sulla spiaggetta selvaggia trovata prima di Skala Kalirakis.

E’ davvero difficile andare via da qui! Si respira un clima di pace e relax davvero difficile da trovare. Per il primo pomeriggio però dobbiamo spostarci, spinti dalla fame e dal fatto che per le ore 16.00 preferiamo prendere il traghetto per la Grecia continentale, in modo da arrivare a Salonicco per un’ora decente per la nostra ultima serata greca.

Ci rimettiamo in viaggio, seguendo la litoranea verso ovest, praticamente circumnavigando l’isola, avendo la possibilità di chiudere praticamente il cerchio e vederla tutta: da nord a sud, da est a ovest.

Decidiamo di fermarci dopo qualche chilometro in una trattoria fronte mare per mangiare qualcosa e ci lasciamo ispirare dai luoghi senza cercare nulla di preciso.

Scegliamo Gorgona Taverna, Rachoni 64004, Grecia tel. +30 2593 081069, scorta dalla strada per il nostro ultimo pranzo a mare.

Ecco qui la mia recensione: https://www.tripadvisor.it/ShowUserReviews-g7777505-d3443306-r593272683-Gorgona_Taverna-Rachoni_Thasos_Northeast_Aegean_Islands.html

gorgona taverna

Pachis

Dopo il pranzetto, decidiamo di spostarci verso una spiaggia attrezzata con docce, al fine di darci una rinfrescatina prima di imbarcarci nel nostro traghetto verso la Grecia continentale. Riprendiamo la strada litoranea in direzione nord est e incontriamo diverse spiagge.

C’è da dire che qui, sul litorale ovest, la costa cambia davvero molto: più rocciosa, il territorio più aspro e brullo, maggiormente selvaggio e meno popolato. D’altro canto procedendo sempre verso nord, le strutture turistiche e anche le spiagge diventano più chic, come la spiaggia di Pachis, dove decidiamo di fermarci.

La spiaggia si presenta molto affollata, si parcheggia lungo la strada e a due passi si trova la spiaggia: attrezzata, con ombrelloni di paglia e lettini, molto vicini tra loro e con musica commerciale in filo diffusione che proviene dai vari locali posti sulla spiaggia, dietro i lettini, a due passi dal mare: sembra di essere in un‘altra isola, molto più modaiola e commerciale rispetto alla costa sud e est e alle spiagge viste finora.

Da quello che ho potuto percepire, sebbene ci siamo fermati in questa spiaggia veramente poco tempo è che se volete qualcosa di più raffinato, probabilmente questa zona fa per voi! Mare bello ma non straordinario.

  • COSTI:

Noi siamo arrivati e ci siamo accomodati su un ombrellone libero con due lettini, per il poco tempo che abbiamo passato qui. I prezzi non erano esposti e nessuno ci è venuto a chiedere nulla, quindi non ho chiesto informazioni per evitare di dover pagare.

La spiaggia è attrezzata con parcheggio, bagni docce e luogo di ristoro.

  • TIPOLOGIA SPIAGGIA: sabbia

Eccoci alla fine di quest’articolo, spero di avervi dato qualche consiglio utile per la vostra scoperta di Thassos e delle sue bellissime spiagge.

Vi ricordo di leggere gli altri miei due articoli sull’isola se state progettando un viaggio o se semplicemente volete allargare le vostre conoscenze: Thassos, l’isola sconosciuta e Alla scoperta di Thassos: consigli utili per l’isola low cost

Infine se anche voi volete approfittare per una visitina a Salonicco l’ultimo giorno, vi rimando al mio articolo: Salonicco, la mia esperienza nella “città orizzontale”.

Enjoy Thassos!

TAGS
RELATED POSTS

Commenta

Silvia Pellizzon
Venezia, IT

Ciao! Due informazioni veloci su chi sono: mi chiamo Silvia, ho 30 anni e vivo in provincia di Venezia. Per me viaggiare è parte integrante della mia vita. Lo faccio da sempre. Da bambina era tutto semplice e bellissimo, crescendo però mi sono accorta di quanto possa essere complicato viaggiare se non si è ben informati, così la mia passione è diventata anche un lavoro. Oggi ho deciso di iniziare a condividere i miei viaggi e la mia esperienza nell'organizzazione per cercare di essere d'aiuto a chi sceglie di aprire la propria mente visitando nuovi luoghi!

Seguimi su Facebook!
Seguimi su Instagram!
La risposta da Instagram ha restituito dati non validi.

Seguimi!

Archivio Articoli